Md.Mustakim Ahmed 🧙‍
Jasbir Singh
Ajay
Ont laissé un avis

Software di raccolta, trovate quello che fa per voi!

La gestione dei crediti e dei flussi di cassa è un tema di grande attualità. I clienti sono lenti a pagare le bollette: i tempi di pagamento si allungano. Recuperare i debiti non pagati è spesso difficile. Alcune aziende falliscono addirittura. Secondo l’Osservatorio BPCE, ogni anno chiudono in media 75.000 imprese: 60.000 VSE e 15.000 PMI scompaiono in Francia. Oggi la riscossione dei crediti dei clienti è una priorità, per questo è necessario scegliere un software di recupero crediti.

La questione della riduzione dei tempi di pagamento e dellaprotezione dai mancati pagamenti è quindi più che mai attuale. I manager ansiosi, con gli occhi puntati sul conto bancario dell’azienda, hanno comunque delle soluzioni per anticipare il rischio di mancato pagamento e migliorare il flusso di cassa.

Liquidazione del debito: le informazioni necessarie

La DGCCRF (Direction Générale de la Concurrence, de la Consommation et de la Répression des Fraudes) definisce il recupero crediti come segue: il recupero dei crediti dei clienti è un’attività regolamentata che consiste nell’utilizzare il dialogo per ottenere il pagamento da un debitore.

Una volta introdotto il concetto di dialogo, la normativa consente ai creditori di seguire diverse procedure per recuperare il denaro dovuto dai loro clienti. Vediamo quali.

Procedure di raccolta dei clienti

Riscossione coattiva o giudiziaria

L’azienda decide di intraprendere un’azione legale per recuperare il credito dal cliente. I tribunali ordinano quindi il pagamento dei debiti al cliente non pagante mediante una procedura di riscossione forzata, nota anche come procedura di riscossione giudiziaria.

  • L’ingiunzione di pagamento è una procedura legale che può essere gestita da un ufficiale giudiziario.
  • L’ingiunzione di pagamento è un’altra procedura che richiede più tempo e costi rispetto all’ingiunzione di pagamento, ma è comunque consigliata quando il debitore contesta la richiesta di pagamento.
  • Il pignoramento è un’altra procedura utilizzata per impedire ai debitori di organizzare la propria insolvenza.

Il reclamo deve essere presentato al tribunale competente , sia esso il tribunale commerciale o il tribunale distrettuale, prima della scadenza del periodo di prescrizione applicabile. Ciò è necessario, ad esempio, quando le somme dovute derivano da una cambiale o da un contratto di fornitura di servizi.

Recupero crediti amichevole

La procedura di recupero crediti amichevole consiste in un dialogo tra l’azienda e il suo cliente.

Questo approccio presenta i seguenti vantaggi:

  • mantenere le relazioni commerciali,
  • risparmiando una lunga procedura legale,
  • ottenere più rapidamente l’importo dovuto (in teoria).

La procedura per il recupero amichevole dei crediti per conto di terzi è diversa. L’azienda chiama quindi un esperto di recupero crediti, che si fa carico del debito.

Le attività delle società specializzate nella riscossione amichevole dei crediti sono regolamentate. L’azienda deve quindi ricorrere ai servizi di un’agenzia di recupero crediti autorizzata, di un ufficiale giudiziario o di un agente di riscossione autorizzato.

Se il cliente si trova in una situazione di difficoltà temporanea, è consigliabile, ad esempio, proporre di riscuotere un acconto inizialmente a una data di scadenza specifica, per poi scaglionare i pagamenti successivi nel tempo.

Le condizioni per un recupero crediti amichevole

Un’azienda che desidera avviare un approccio di recupero crediti amichevole con il proprio cliente deve inviare un avviso formale al debitore.

Per essere ammissibile, questa lettera deve contenere le seguenti informazioni:

  • nome e dati di contatto dell’azienda che emette la lettera (il creditore), dell’azienda debitrice (il debitore) e della società di recupero crediti amichevole,
  • descrizione dettagliata dei servizi forniti,
  • l’importo dovuto, compresi gli interessi,
  • procedura di liquidazione del sinistro,
  • una dichiarazione che indichi che il creditore si farà carico delle spese di riscossione (ad eccezione degli assegni scoperti, che sono decisi dalla legge).

Se il cliente accetta di pagare, la società di riscossione emette una ricevuta di pagamento.

Utilizzo di un ufficiale giudiziario

In prima istanza, gli ufficiali giudiziari applicano ed eseguono gli atti definiti dalle decisioni del tribunale, come il recupero forzato dei crediti o il recupero giudiziario dei crediti.

Un’azienda può anche rivolgersi a un ufficiale giudiziario per avviare una procedura di recupero crediti amichevoleper conto di terzi.

Vantaggi dell’utilizzo di un ufficiale giudiziario :

  • la maggior parte dei debitori non contraddice mai un funzionario ministeriale, il che spesso accelera le transazioni,
  • l’ufficiale giudiziario non è tenuto a rispettare i termini della lettera di diffida,
  • l’ufficiale giudiziario può emettere un precetto per debiti fino a 4.000 euro: questa soluzione semplifica la procedura di pagamento per tutte le parti.

Cosa succede quando un cliente non paga i suoi debiti anche se ha accettato i termini del titolo esecutivo? Il creditore può quindi chiedere a un altro ufficiale giudiziario di avviare automaticamente una procedura di riscossione forzata: non è necessaria alcuna decisione del tribunale!

Il debitore deve pagare le spese di riscossione?

La legge sul recupero crediti è severa su questo punto: al creditore e/o all’agente è formalmente vietato addebitare al debitore le spese di recupero per il ritardo o il mancato pagamento. Questo non è assolutamente un diritto!

L’addebito dei costi di riscossione a un debitore è punibile con 2 anni di reclusione e una multa di 300.000 euro. Le uniche eccezioni che autorizzano il solo debitore (mai l’agente) a fatturare al debitore le spese di riscossione sono quelle definite dalle sentenze dei tribunali.

Alcuni esempi – Per un atto di ingiunzione di pagamento:

  • un premio assicurativo o un noleggio,
  • a seguito di un accertamento comprovato della malafede del debitore,
  • pagamento a seguito di un assegno scoperto,
  • un sinistro per il quale entrambe le parti sono professionisti, con un indennizzo fisso di 40 euro.

Per questi motivi, è consigliabile includere nel contratto gli interessi di mora, calcolati al tasso di interesse legale vigente.

Piattaforme di recupero crediti

Se i buoni conti fanno buone amicizie, si creano anche relazioni durature e prosperose, non è vero? Qui presentiamo alcune delle piattaforme di raccolta online sicure più affidabili sul mercato, che vi consentono di mantenere questi collegamenti.

Aston iTF Riscossione contanti

è una soluzione SaaS(software as a service) per la gestione e la riscossione dei crediti. Il software viene utilizzato internamente da account manager, contabili e/o credit manager di PMI, ETI, grandi clienti e multinazionali. ASTON iTF è una fintech che sfrutta le tecnologie Cloud, Big Data e AI.

L’obiettivo della piattaforma è quello di consentire agli utenti di liberarsi di attività amministrative lunghe e prive di valore aggiunto, in modo da potersi concentrare sulla gestione di controversie e clienti difficili o con difficoltà di pagamento.

Automatizzando l’80% delle attività, il credit manager può ridurre del 50% i crediti scaduti, accelerare la riscossione dei crediti commerciali e migliorare la qualità del suo lavoro.
accelerare la riscossione dei crediti commerciali,
ridurre il rischio finanziario e preservare e massimizzare il flusso di cassa dell’azienda.

La piattaforma offre molti altri vantaggi per ridurre il DSO(giorni di vendita non pagati ) e ottimizzare il WCR (fabbisogno di capitale circolante):

  • automazione intelligente delle azioni di raccolta,
  • I cruscotti con indicatori personalizzati semplificano l’analisi delle prestazioni di riscossione e consentono di identificare i crediti che devono essere gestiti in modo prioritario,
  • lo scoring comportamentale basato sulle abitudini di pagamento dei clienti viene analizzato in tempo reale, consentendo dianticipare i rischi

Buono a sapersi:

  • disponibile immediatamente online, 1 mese di prova gratuita senza impegno.
  • questo software di recupero crediti offre una perfetta interoperabilità con i sistemi contabili (SAP, Sage, Cegid, ecc.). È disponibile anche come semplice file Excel
  • Niente più integrazione o ritardi nell’implementazione!

Per leggere il resto dell’articolo di Appvizer, fare clic qui.